GENERAZIONE NEET E ABBANDONI SCOLASTICI

Un fenomeno che alimenta povertà ed esclusione sociale e un ostacolo alla crescita economica e all’occupazione.

In Trentino si verificano ogni anno circa 300 abbandoni della scuola. Sono circa 14.000 (dati Istat di fine 2017) i Neets, giovani inattivi tra i 15 e i 29 anni, che non studiano, non lavorano, non hanno prospettive. Ci troviamo di fronte ad una generazione non sufficientemente aiutata con adeguata formazione e strumenti di politiche attive efficienti per trovare un proprio posto nei processi di sviluppo solido e competitivo del proprio territorio. Ne consegue un elevato rischio sia di lasciare ai margini i più vulnerabili, sia un alto grado di sottoutilizzo del capitale umano formato da giovani ad alto potenziale.

Si è interrogato il presidente della Provincia e l’assessore competente per chiedere tra l’altro se ritenga utile lavorare per creare all’interno delle scuole una sinergia che agganci le emozioni, il linguaggio e il mondo intero degli studenti, in modo da offrire loro un ambiente attrattivo e di riferimento, che li faccia sentire meno soli e non abbandonati; quali iniziative intendano intraprendere al fine di ridurre il numero dei giovani inattivi, disoccupati, che non studiano, molti dei quali con un potenziale che rimane inespresso, a discapito della crescita sociale ed economica del territorio.