DOLOMITI, PATRIMONIO UNESCO, INVASO DALLE JEEP

E’ questa la montagna che vogliamo?

In un territorio fragile, già scenario di concerti in alta quota e flagellato dalla tempesta Vaia ora anche il circo delle Jeep

Dal 12 al 14 luglio prossimi San Martino di Castrozza ospiterà la sesta edizione del “Camp Jeep 2019”. Circa 600 jeep invaderanno un territorio così unico da essere protetto dall’Unesco. Ancora una volta alla logica del business si sacrifica il rispetto del territorio. Abbiamo quindi presentato una interrogazione nella quale chiediamo al presidente della Provincia di Trento:

  • quale sia stato l’iter amministrativo che ha portato all’autorizzazione allo svolgimento di tale evento;
  • se vi è stato il coinvolgimento dell’Ente Parco; in caso di risposta negativa la motivazione e in caso di risposta positiva come quest’ultimo si sia espresso;
  • se ritenga opportuno continuare a promuovere eventi di tale portata in un territorio di enorme pregio naturalistico, fragile e delicato e tra l’altro messo già a dura prova dalla tempesta Vaia dello scorso ottobre 2018;
  • se ritenga opportuno continuare a promuovere eventi di tale portata in un territorio di enorme pregio naturalistico, fragile e delicato e tra l’altro messo già a dura prova dalla tempesta Vaia dello scorso ottobre 2018;
  • se non ritenga che una manifestazione che vedrà circa 600 jeep scorrazzare in un’area protetta vìoli l’articolo 4 del Piano del Parco Paneveggio Pale di San Martino che vieta di provocare al suo interno rumori e suoni molesti;
  • quando si concluderà la stesura delle linee guida per la regolamentazione delle manifestazioni sportive e culturali in ambito montano, predisposte dal gruppo di lavoro della cabina di regia delle aree protette, con il coinvolgimento dei Comuni interessati da questa problematica.